I suoni dei tanti Sud del mondo, i loro colori e le loro genti s’incontrano e si raccontano nelle piazze del Salento: fra musica e spettacolo, arte e cultura, si rinnova anche quest’anno l’appuntamento con la rassegna “Il Canto delle Cicale”,

che porta nel Comune di Alliste e Felline alcune delle migliori espressioni del variegato panorama artistico che caratterizza il bacino del Mediterraneo. Promossa dall’Amministrazione Comunale di Alliste con il contributo della Regione Puglia e dell’Unione Europea P.O. FESR 2007-2013, la manifestazione è giunta alla sua XIV edizione e anche quest’anno, come di consueto, offre un programma articolato in tre serate: sabato 6 agosto l’appuntamento è in piazza San Quintino ad Alliste (ore 21) per il Galà Inaugurale “Premio Kallistòs”, mentre si fa tappa a Felline venerdì 19 per il concerto “Anima mundi”, che vedrà protagonista Tosca con gli strumentisti Ruggiero Mascellino e Giovanni Mattaliano, e sabato 20 per la chiusura affidata alla musica salentina del gruppo dei “Menamenamò”. Non soltanto spettacolo, ma anche dialogo, riflessione e confronto su una terra, quella salentina, che insieme alle meraviglie paesaggistiche e ai tesori d’arte custodisce e coltiva un patrimonio di saperi capaci di ripensare l’evoluzione del territorio, coniugando memoria storica e sfide dell’attualità: questo il senso del “Premio Kallistòs”, attribuito a personaggi che operando in ambiti diversi, dall’artigianato alla ricerca accademica fino al mondo dell’imprenditoria, danno lustro al Comune di Alliste e, più in generale, a tutto il Salento. Il Galà d’apertura del 6 agosto sarà presentato dal comico napoletano Marco Cristi, vincitore nel 2002 del prestigioso premio “Massimo Troisi” e oggi tra i cabarettisti più richiesti in Italia, e vedrà alternarsi sul palco gli Acustic Trio (con il bassista degli Avion Travel Vittorio Remino, Daniele Brenca al contrabbasso e Paki Palmieri alla batteria e alle percussioni) e Graziano Galatone, dal 2002 nel ruolo di Febo nello spettacolo campione d’incassi “Notre Dame de Paris”. Un ensemble d’eccezione, per contaminare musiche etniche, sound elettronici, jazz e melodie della tradizione popolare pugliese, in un mix all’insegna delle più audaci sperimentazioni. A dar brio alla serata, inoltre, ci saranno le incursioni satiriche di Dario Vergassola, irriverente intervistatore nella trasmissione di Rai3 “Parla con me”. Inoltre, già dalle ore 19.30 negli spazi adiacenti piazza San Quintino, verranno allestiti percorsi enogastronomici per un’esplorazione della cultura salentina che passa anche attraverso la buona tavola. Cuore della manifestazione sarà il concerto-spettacolo “Anima mundi”, in programma venerdì 19 agosto a Felline. La voce di Tosca e gli strumenti di Ruggiero Mascellino (pianoforte, chitarra, fisarmonica) e Giovanni Mattaliano (sax, clarinetto) imbastiranno trame sonore che attraversano l’intera Europa e la racchiudono tra le pagine di un libro magico, fatto di sonorità portoghesi, rumene, irachene, russe ed ebraiche, di canti sciamanici e brani della tradizione yiddish, il tutto mescolato con ricetta alchemica a serenate e canzoni del patrimonio della musica popolare italiana. A raccontare l’anima del mondo nelle sue tante identità, tutte convergenti, non soltanto tessere musicali ma anche stralci di grande letteratura, con intermezzi recitati tratti da opere di Borges, Trilussa, Brecht, Brancati e Totò. L’edizione 2011 de “Il Canto delle Cicale” si chiuderà sabato 20 agosto, ancora a Felline, con il concerto dei “Menamenamò”, gruppo popolare di musica salentina diretto da Luigi Mengoli e impegnato da sedici anni in una ricerca etnomusicologica tesa al recupero e alla valorizzazione della memoria collettiva del Salento. Tutti gli eventi in programma nella manifestazione sono a ingresso gratuito.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

19 − cinque =