Ennesimo scempio ambientale scoperto dalle fiamme gialle. In un’area di 94 mila metri quadrati, infatti, tra i secolari alberi di ulivo e la distesa di macchia mediterranea, c’era di tutto: rifiuti speciali pericolosi, lastre di eternit, pneumatici

di veicoli fuori uso, plastiche, vetri, guaine catramate, parti di televisori rottamati, altri elettrodomestici fuori uso e, addirittura, carcasse di animali bruciati vivi. La discarica che sorge nel comune di Ugento, è stata  sequestrata dai finanzieri di Casarano. L’area è stata sequestrata. I militari sono già al lavoro per risalire agli autori dello scempio.