Il sindaco di Otranto, Luciano Cariddi, ha disposto la chiusura del Centro di primissima accoglienza Don Tonino Bello, in seguito a due casi di scabbia, verificatisi nei giorni scorsi. “La chiusura del Centro – ha spiegato Cariddi – e’ stata una scelta inevitabile, alla luce della segnalazione dell’Asl, che ha documentato due casi di scabbia tra gli ospiti, e sollecitato la disinfestazione dei locali”.

Si attende, dunque, che le Forze dell’ordine, di concerto con la Prefettura, effettuino il trasferimento delle persone attualmente ospitate al Don Tonino Bello (una quarantina) in altri centri, affinche’ la chiusura diventi operativa. Sara’ quindi effettuata la necessaria disinfestazione e, nel giro di una settimana, la struttura di accoglienza dovrebbe riaprire.”

La Asl ha anche documentato che nella struttura c’è una situazione igienico-sanitaria carente, degenerata a causa del sovraffollamento delle ultime settimane. Il centro, infatti, ha una capacita’ di 50 posti, ma, nei mesi estivi ha raggiunto anche picchi di 150 ospiti.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

quattro × 3 =