La Tenenza della Guardia di Finanza di Maglie ha posto i sigilli, ad un esercizio pubblico esercente l’attività di: “produzione pasta fresca”, con sede in un comune del sud Salento, che è stato chiuso per tre giorni, per non aver ottemperato al rilascio degli scontrini fiscali.

Il provvedimento di sospensione temporanea dell’autorizzazione per l’esercizio del commercio è scattato a seguito dell’accertamento di reiterate mancate emissioni del documento fiscale. Bastano quattro violazioni nel volgere di un quinquennio perché scatti la chiusura dell’esercizio commerciale per un periodo compreso fra i tre giorni ed un mese.

Nel caso del laboratorio sito in un comune adiacente a Maglie, i militari hanno documentato quattro distinte violazioni inerenti la mancata emissione degli scontrini fiscali, irregolarità accertate e contestate nell’arco di cinque anni, informando la Direzione Regionale dell’Agenzia delle Entrate per l’adozione di un provvedimento di sospensione temporanea dell’attività commerciale.