Le ultime verifiche effettuate dai carabinieri di Nardò, insieme al personale Asl, sono state finalizzate al contrasto delle truffe agro-alimentari. Dieci le ispezioni dei carabinieri in esercizi pubblici, bar e ristoranti, che si trovano nelle marine del comune di Nardò.

Di queste, solo in due controlli, precisamente in un bar-pasticceria e in una trattoria, che si trovano a Santa Maria al Bagno, sono state riscontrate violazioni. Presso il bar, in particolare, prodotti di pasticceria e rosticceria sono risultati in cattivo stato di conservazione, sono state riscontrate la mancata applicazione del manuale di autocontrollo, carenze igienico sanitarie, mancanza di autorizzazione sanitaria per la somministrazione all’esterno di bevande e alimenti e per la preparazione di prodotti di rosticceria. Sono, quindi, scattate sanzioni per un totale di 5mila euro oltre al sequestro di 300chili di prodotti di pasticceria e rosticceria perche’ privi di qualsiasi attestazione attestante la rintracciabilita’. Nella trattoria il gestore deteneva alimenti di origine animale sprovvisti di etichettatura, violazione che ha prodotto una sanzione amministrativa di 3.166 euro. Sotto sequestro sono stati posti 3 chili di cozze nere e 5,4 chili di vongole per mancanza di attestazione riguardante la rintracciabilita’. Sono stati, inoltre, trovati e identificati tre lavoratori di origine rumena intenti a svolgere mansioni di addetti alla cucina senza avere alcun contratto di lavoro. In questo caso e’ stata inoltrata comunicazione alla Direzione provinciale del Lavoro per i provvedimenti di competenza

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.