Due altri appuntamenti  in programma con Cinema sotto le stelle, la rassegna cinematografica promossa dal Comune di Lecce. Questa sera, al Parco Tafuro, verrà proiettato il film Senza arte né parte. Venerdì sera sarà invece la volta di Maschi contro femmine

Ultime battute con la rassegna cinematografica Cinema sotto le stelle, organizzata dall’assessorato alla Cultura, Spettacolo e Turismo del Comune di Lecce. Questa sera, alle ore 20.30, al Parco Tafuro, in via Luigi Corvaglia, sarà proiettato il film  “Senza Arte né Parte”, di Giovanni Albanese.
Trama
C’è aria di crisi. Il Premiato Pastificio Tammaro chiude la vecchia fabbrica, in realtà con l’idea di riaprirne presto una nuova, completamente meccanizzata. Tutta la squadra di operai addetta allo stoccaggio manuale si ritrova disoccupata. Tra questi c’è Enzo, sposato con Aurora e i loro due figli piccoli. Poi Carmine e infine Bandula, un immigrato indiano, ormai al verde e senza più un posto dove dormire. La situazione è drammatica. Proprio in quei giorni, la moglie di Tammaro eredita una collezione d’arte contemporanea che viene provvisoriamente sistemata nel vecchio pastificio. A Enzo e Carmine viene offerto, come lavoro temporaneo in nero, di custodire il magazzino che ospita le opere. Enzo e i suoi amici scoprono sbalorditi l’arte contemporanea.
L’ultimo appuntamento con Cinema sotto le stelle è fissato per venerdì 23 settembre, alla Chiesetta Balsamo di via Pozzuolo, sempre alle ore 20.30, con “Maschi Contro Femmine” di Fausto Brizzi.

Trama
Quattro storie si incrociano intorno al tema della “guerra dei sessi”. Le storie, autonome tra di loro, sono legate dagli intrecci (familiari e lavorativi) di alcuni dei protagonisti.

Walter, allenatore di serie A di pallavolo femminile, dopo essere appena divenuto padre, cede alle continue avance del suo capitano Eva Castelli e tradisce sua moglie Monica. Non essendo avvezzo ai tradimenti, i sensi di colpa ed i consigli degli amici lo mettono in crisi: mentre si avvicina la finale scudetto, non trova il coraggio di troncare la relazione per paura che possa influire sul rendimento della squadra. Eva, dopo essersi illusa che Walter potesse divorziare per stare insieme a lei, rivela tutto a Monica, ma poi è Eva stessa a prendersi in toto la colpa per avere avuto l’iniziativa della tresca, trionfa la pace tra le due donne e nella coppia, e la squadra vince anche lo scudetto.
Diego è un playboy alla Hugh Grant, fiero della sua collezione di tanga delle sue conquiste, suddivisa per nazione, ed è in conflitto con la sua vicina di casa Chiara, infermiera iperfemminista e convinta ambientalista. Un rifiuto di Chiara a una sua avance lo getta in una situazione di impotenza psicologica, dalla quale egli potrà uscire, secondo il parere di uno specialista, solo se riuscirà a conquistare proprio lei. Per non perdere la sua fama di tombeur de femme più che per vera infatuazione, Diego seguirà Chiara fino al Polo Sud, dove la ragazza si è recata per una missione animalista contro i cacciatori di balene. Al ritorno scocca la scintilla tra i due, fino a quando Chiara non si accorge delle sue intenzioni nascoste. Ma Diego ormai è veramente innamorato di lei e alla fine i due diventeranno una coppia stabile e innamorata.
Andrea e la sua coinquilina omosessuale Marta si innamorano della stessa ragazza, Francesca, e si sfidano per la sua conquista durante una divertente ed imprevedibile vacanza in Corsica fatta di dispetti e colpi bassi reciproci, alla quale Francesca partecipa compiaciuta. Nonostante sia Andrea ad avere la meglio in questa singolare rivalità, alla fine, dimenticato il pomo della discordia, i due tornano i buoni amici di sempre.
Nicoletta, in crisi di mezz’età e lasciata dal fedifrago marito Vittorio (padre di Andrea e presidente della squadra di volley di Walter), su suggerimento della collega Paola, si rivolge a Marcello per effettuare un intervento di chirurgia plastica. Grazie a un suo timido collega vedovo, Renato, che la corteggia da molti anni, arriverà a corrispondere il suo sentimento e riuscirà ad accettarsi per come è.
Tutti gli spettacoli sono gratuiti.