“Ho protocollato stamattina – comunica in una nota il Consigliere Comunale dell’UdC, Pankiewicz – una Mozione avente per oggetto < Sciogliere il Consiglio di Amministrazione della Società “Lupiae Servizi” e col ricavato attivare una mensa permanente per i poveri della città >.

Rivolgo, perciò un accorato appello alle forze di maggioranza affinchè tale mozione venga approvata in occasione del Consiglio Comunale del 13 settembre. Il diritto dei poveri al cibo è più importante di un carrozzone clientelare.
Dai dati sulla povertà ed esclusione sociale in Italia emerge una situazione particolarmente critica nel Mezzogiorno, che vede in costante aumento il numero delle persone che precipitano nel baratro della povertà perché non c’è lavoro per i giovani e molti adulti lo stanno perdendo.
La difficoltà di vivere tocca un numero sempre crescente di nostri concittadini, che ormai rappresentano circa il 40%, come confermato in occasione della festa dei Santi Patroni proprio dall’Arcivescovo, Mons. Domenico D’Ambrosio, di coloro che si rivolgono alle mense della Caritas per avere un piatto caldo.
Anche nella nostra città, dunque, ai “poveri tradizionali” si aggiungono i “nuovi poveri”.
Il  Consiglio di Amministrazione della Società “Lupiae Servizi” comporta una spesa annua di alcune decine di migliaia di euro, mentre la stessa Società potrebbe essere amministrata da un amministratore unico.
E’ unanimemente condiviso che occorre ridurre i costi della Pubblica Amministrazione. Si devono, perciò, dare segnali concreti in tal senso ai cittadini, i quali, altrimenti continueranno ad allontanarsi dalle istituzioni.
Con la mia mozione si impegna il sindaco e la giunta 1) A porre in essere tutti gli atti necessari per sopprimere il Consiglio di Amministrazione della “Lupiae Servizi” e nominare un Amministratore unico. 2) Con i risparmi ricavati attivare una mensa comunale permanente per i poveri della città.”