“Strisce blu irregolari e strisce bianche invisibili” sono due buoni motivi per il consigliere Pankiewicz per presentare un’interpellanza al sindaco Perrone. I parcheggi a Lecce sono un buon pretesto per fare cassa a scapito della disperazione degli automobilisti

Tra le più gravi delle irregolarità – secondo il consigliere – ci sono le strisce blu a ridosso degli scivoli per disabili, come lo stesso ha potuto constatare  in zona Mazzini, nei pressi dell’incrocio tra via Tito Minniti e via Capitano Ritucci. Mentre le strisce pedonali, pressochè invisibili, si trovano in altra posizione, mettendo il disabile non solo nella condizione di non poter usufruire degli spazi dedicati ma anche di non poter attraversare. Tra le richieste di Pankiewicz, che si fa portavoce delle proteste dei cittadini, c’è l’invito al sindaco di  intervenire per assicurare la corretta applicazione delle norme che regolano la sosta dei veicoli a pagamento, di procedere al rifacimento della segnaletica orizzontale, fatiscente in tantissime vie del centro e della periferia della città, con enorme pericolo dei pedoni di essere travolti dalle auto. Chiede inoltre di rendere noto l’ammontare dei proventi della sosta a pagamento incassati dal Comune a partire dall’anno 2007 e come tali proventi sono stati utilizzati per il bene della collettività. L’interpellanza, protocollata oggi, dovrebbe essere discussa a partire dal prossimo Consiglio comunale, anche se i tempi di attesa delle discussioni nell’Assise cittadina sono in linea con quelli della pubblica amministrazione.

 

CONDIVIDI