E’ stato presentato questa mattina a Palazzo Carafa, il progetto di ampliamento e ristrutturazione del centro per i minori a rischio “Volare Alto”, in via Siracusa. Un progetto che prevede l’utilizzo di 925mila euro, ripartiti tra Fondi Regionali, Fondi FESR – di cui il 40% già erogato – più un contributo dell’amministrazione comunale di 250.000 euro.

La struttura, che già funziona come centro sociale diurno per i minori dal 2000 ed è di proprietà comunale, verrà adesso ampliata e risistemata con la creazione di una grande sala comune, dotata di 2 laboratori, una sala di ascolto insonorizzata, una sala riposo, un refettorio per 30 persone e un’infermeria.

 

Sono previsti anche gli spazi esterni, ritenuti maggiormente strategici per i giovani che tra i 9 e i 14 anni, saranno ospitati nel centro. Due campetti infatti, di cui uno di calcetto e un altro polifunzionale per pallacanestro e pallavolo, sono inseriti nel programma, assieme ad un rinnovo degli spazi esterni, che verranno resi più accoglienti.
La struttura ospita già minori a rischio ma grazie a questi lavori, che sono iniziati lo scorso luglio e che si concluderanno a settembre del prossimo anno, fondi regionali permettendo, potrà contenere in tutto 60 unità e svolgere il ruolo di unico centro sociale per la città di Lecce e per l’intero Ambito Territoriale.

E’ prevista inoltre la creazione di un distaccamento del centro a Lequile, per aumentare ancora di più la presenza sul territorio e consentire il servizio sociale anche ad altri 30 minori.

“E’ un modo per investire sui giovani,” ha dichiarato il consigliere Roberto Martella, presidente dell’Ambito Territoriale di zona. “L’amministrazione ha posto la massima attenzione a 360 gradi, per investire nelle tematiche sociali e questa è solo una delle tantissime iniziative che seguiranno nei prossimi mesi.”

Sono infatti 3 milioni, gli euro che saranno investiti per progetti promossi dall’Ambito: un centro aperto polivalente per minori e l’ampliamento della ludoteca comunale a Lizzanello, un centro socio educativo diurno a Monteroni, un centro polivalente per disabili a Surbo e un altro a San Donato di Lecce.

Anche l’assessore ai lavori pubblici Gaetano Messuti, ha espresso la sua soddisfazione per la realizzazione del progetto: “Questa struttura è stata fortemente voluta. Stiamo cercando di investire in maniera mirata e creare dei centri che non soltanto abbiano questo tipo di funzione, ma diventino di eccellenza per far fronte alle richieste dell’intero Ambito Territoriale.”

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.