“Se vogliamo davvero azzerare le liste bloccate e ridare ai cittadini il potere di scegliere i propri parlamentari – dichiara Antonio Rotundo – non c’è altra strada se non quella di cancellare con il referendum l’attuale legge ripristinando la legge Mattarella con i collegi uninominali.

Da qui la necessità di utilizzare al meglio le prossime settimane per raccogliere il maggior numero di firme per riuscire a raggiungere il quorum delle 500 mila  entro la fine di settembre.

Si tratta di una vera e propria corsa contro il tempo e per questo facciamo un forte appello ai giornali ed alle tv locali, da sempre sensibili su questo tema, ad aiutarci consapevoli che di poter contare solo sull’informazione locale perché la Rai di fatto sta ignorando il referendum

Per questo accanto ai banchetti che saranno allestiti nei fine settimana, per agevolare al massimo la sottoscrizione dei cittadini, a partire da domani tutti coloro che vorranno sottoscrivere i referendum contro il Porcellum potranno farlo recandosi sia presso la sede del PD in Via Tasso 9 dalle ore 9.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 19.00( tutti giorni feriali tranne il sabato pomeriggio), sia presso la sede del gruppo consiliare del PD al secondo piano di Palazzo Carafa dalle ore 9.00 alle ore 13.00 dal lunedì al venerdì.”

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

uno × quattro =