I Finanzieri della Tenenza di Casarano hanno individuato un imprenditore titolare di un   “bar e tavola calda” con sede in un comune del sud salento che si avvaleva dell’intera forza lavoro, costituita da tre dipendenti, tutti  “in nero”.

Il servizio che ha portato al risultato evidenziato si è svolto mediate un preliminare lavoro di appostamento che ha consentito ai Militari, dapprima di individuare il numero dei dipendenti dell’esercizio in questione e poi, successivamente, attraverso l’incrocio dei dati acquisiti dall’iniziale lavoro di osservazione con quelli scaturenti dalle dichiarazioni rese dai lavoratori in sede di intervento, di verificare per ognuno di loro le reali mansioni svolte, l’effettivo impiego nell’arco dell’intera giornata e la data di inizio rapporto lavorativo.

L’imprenditore rischia la sospensione dell’attività per non aver provveduto a comunicare al Centro per l’Impiego l’assunzione del suo personale.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.