Nel calendario culturale autunnale, c’ una rassegna di musica d’autore che è giunta ormai alla sua quarta edizione: Suoni a Sud.
Un evento al quale partecipano personalità di spicco all’interno di un panorama culturale musicale, molto apprezzato e che genera quello che è stato definito un “Turismo di nicchia”.

Presenti infatti alla conferenza di presentazione di questa mattina, oltre all’organizzatrice dell’evento, la presidente dell’associazione culturale l’Orchestrine, Irene Scardia, anche gli assessori alla cultura e al turismo comunale e provinciale, Massimo Alfarano e Simona Manca. E il presidente del gruppo Vestas Hotel & Resorts, Andrea Montinari.
La Rassegna di musica d’autore Suoni a Sud, rientra infatti in un piano di sviluppo culturale di un territorio che come ha affermato l’assessore Manca “ha le risorse naturali e da alcuni anni ha imparato a sfruttarle.”
Sono molti infatti, i musicisti pugliesi che si esibiranno durante i 4 appuntamenti dedicati alla manifestazione, nel teatro Paisiello di Lecce. In apertura il 18 ottobre c’è Carolina Bubbico, cantautrice che ha vinto lo scorso agosto il premio “Best instrumentalist” con il suo progetto solistico “One girl band”;  il 28 ottobre sarà la volta dei NIDO Workshop, gruppo di Free Jazz, che ha vinto un bando messo a disposizione dall’associazione l’Orchestrina, per cercare talenti pugliesi; il terzo appuntamento del 26 e 27 novembre, è invece dedicato al Tran(ce)formation Quartet, un gruppo di 4 elementi che si esibisce in musiche originali che uniscono suoni improvvisati al misterioso fenomeno della trance; chiudono infine, il 3 e 4 dicembre i BemollAnsemble, una piccola orchestra di giovani provenienti da tutta la Puglia.
Ogni gruppo, verrà poi accompagnato, per l’occasione da una special guest: sarà il cantante polistrumentale islandese Olof Arnalds ad aprire la rassegna, per una prima assoluta nel sud Italia. Livio Manafra invece, giovane compositore pianista vincitore del premio Top Jazz 2009, accompagnerà la serata del secondo appuntamento. Paolo Damiani è invece l’ospite del 27 novembre, che si esibirà accompagnando i Tran(ce)formation Quartet attraverso il loro particolare progetto. Infine a chiudere la rassegna sarà Gianni Lenoci, pianista e compositore jazz che vanta un curriculum di eccezione accanto a personalità di spicco nel mondo della musica e una lunga e proficua discografia.
La Rassegna prevede anche una serie di workshop che precederanno ogni serata e una Residenza Artistica, con un percorso formativo fatto di apprendimento e di esperienza e che dopo il successo dello scorso anno nel residence Campoverde, è stata riproposta per la quarta edizione, in una struttura privata.
“Per questa edizione abbiamo voluto fare il punto sulla Puglia.” Ha affermato la presidente Scardia, che è anche direttrice della società Workin’ produzioni musicali, che ha promosso l’evento. “Dobbiamo ringraziare il contributo della Regione senza la quale questo evento non avrebbe preso vita e sono felice di poter essere giunti fino a qui alla quarta edizione, segno che questo genere di manifestazioni è bene accolto.”
E soddisfatti sono anche gli assessori Manca e Alfarano.
“Lecce ha dato dimostrazione”, spiega l’assessore comunale, “di apprezzare l’offerta ampissima che è stata data quest’estate. E noi continueremo per questa strada che sono convinto sia la migliore per un territorio che deve diventare sempre più motivo di vanto.”
“L’amministrazione comunale e quella provinciale,” dichiara invece Simona Manca. “hanno dimostrato di aver capito quanto sia strategica la cultura per lo sviluppo del turismo e oggi tocchiamo con mano i risultati. La scelta di puntare su rassegne musicali in questo periodo è una scelta coraggiosa ma che lascia sicuramente una traccia per fare in modo che il turismo cresca anche culturalmente.”

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

cinque × tre =