Un ciclo di incontri con un unico denominatore: la legalità. L’iniziativa si chiama “LEGALmente” – La Legalità come principio di Libertà ed è organizzata da NuovaMente – Associazione Culturale Giovani, con il patrocinio della Provincia di Lecce e del Comune di Lequile.

 

Tre gli appuntamenti in calendario, tutti con ospiti d’eccezione: martedì 27 settembre, mercoledì 28 ottobre e venerdì 2 dicembre, alle ore 19.30, presso il Chiostro dell’Istituto Andrioli, in Piazza San Vito, a Lequile.

Si parte il 27 settembre, con l’incontro dal titolo “Sulle regole”, con la prestigiosa presenza di Gherardo Colombo, l’ex magistrato, attualmente ritiratosi dal servizio, divenuto famoso per aver condotto o contribuito ad  inchieste celebri, quali la scoperta della Loggia P2, il delitto di Giorgio Ambrosoli, Mani pulite, i processi Imi-Sir/Lodo Mondadori/Sme. La discussione verterà sul perché delle regole e della loro applicazione, qaule punto nevralgico per avere un giusto senso della giustizia.

 

Il ciclo d’incontri proseguirà il 28 ottobre sul tema di grande attualità “Legalità e ambiente”, con la presenza di Valeria Mignone, sostituto procuratore della Direzione distrettuale antimafia (DDA) di Lecce e di Ferdinando Boero, zoologo marino dell’Università del Salento. L’incontro metterà in luce lo stretto legame tra legalità ed ambiente, soffermandosi sul ruolo della criminalità organizzata e sulla sua realizzazione d’ingenti profitti nel settore ambientale.

Il programma si concluderà il 2 dicembre, con Alessandro Cobianchi, referente regionale di “Libera – Associazioni, nomi e numeri contro le mafie”, che parlerà proprio del “Ruolo di Libera nella lotta alla mafia”.  La storica associazione fondata da Don Luigi Ciotti, infatti, è da anni territorialmente impegnata a costruire sinergie politico-culturali e organizzative capaci di diffondere la cultura della legalità.

Il progetto “LEGALmente” muove i suoi passi dall’esigenza d’informare, principalmente i giovani, ma anche le generazioni più anziane, sul valore e sull’importanza del rispetto delle regole.

Il tutto si colloca all’interno di un progetto di più ampia portata, che ha l’obiettivo di sensibilizzare ad una cultura diversa, che tenga conto del rispetto del prossimo e realizzi una giusta convivenza sociale all’interno del territorio.

La legalità viene intesa non solo come principio fondante della democrazia, ma anche come valore mediante il quale stabilire rapporti interpersonali, fondati sull’autoeducazione quale strumento della crescita del senso di responsabilità di ogni individuo inserito in un contesto, quello sociale, regolato da norme di natura morale, giuridica e religiosa.

 

 

CONDIVIDI