Il Castello Svevo di Oria è stato posto sotto sequestro dalle fiamme gialle di Brindisi per abusi edilizi che sarebbero stati realizzati dalla società proprietaria dell’immobile.

I militari hanno eseguito numerose perquisizioni domiciliari, nelle provincie di Brindisi e Lecce, nei confronti di otto persone fra imprenditori, professionisti e pubblici ufficiali, indagati, a vario titolo, per abusivismo edilizio, abuso d’ufficio e tentata truffa aggravata in danno dello Stato.
Dall’attività investigativa svolta su delega della locale Autorità Giudiziaria, è emerso che, nell’esecuzione delle opere di manutenzione ordinaria, straordinaria, restauro, consolidamento statico e riqualificazione turistico-culturale del manufatto storico, sono stati realizzati lavori (anche sul prospetto principale) in maniera del tutto difforme rispetto a quelli regolarmente autorizzati, nonostante tutti i vincoli esistenti, ciò in funzione della successiva variazione della destinazione d’uso del citato bene.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

3 × uno =