Regola base non saltare mai i pasti, non far passare mai troppo tempo senza mangiare. Mantenere la glicemia nel suo range normale, mai iper mai ipo glicemia.

I motivi sono semplici: lo stomaco vuoto avvisa il cervello che hai fame ( anche se hai dei chili di grasso in più), il basso valore di glicemia nel sangue fa la stessa cosa e tu o muori di fame o ti butti a mangiare, pertanto saltare i pasti o seguire regimi dietetici “da fame” è controproducente ai fini di una dieta dimagrante e anche ad una vita sana.
Uno studio  pubblicato sul “Journal of Clinical Investigation”, sostiene la tesi secondo cui conviene mangiare regolarmente ai pasti, fare degli spuntini leggeri, a base di frutta fresca, e non abbassare i livelli di glucosio, così da non innescare la fame incontrollata.
Per lo stesso motivo non bisogna mai innalzare i livelli di glucosio oltre un certo limite.
In pratica bisogna mantenere la cosiddetta CALMA INSULINICA, quando si va in iperglicemia, una situazione drammatica per il corpo umano, l’insulina viene secreta e spedisce il glucosio in eccesso verso il grasso, ma non contenta e per sicurezza l’insulina porta in ipoglicemia innescando una reazione a catena ovvero di nuovo fame incontrollata, iperglicemia e cosi discorrendo.
Una dieta valida sicura e affidabile deve seguire queste piccole regole: calma insulinica, attività fisica e assecondamento  dei livelli ormonali durante la giornata, cioè bisogna dare dei segnali al cervello che noi stiamo bene.
Riassumendo alcuni consigli per mantenere la calma insulinica. Consumare tre pasti principali, colazione entro un ‘ora dalla sveglia, pranzo e cena; in ognuno di questi mangiare un terzo di carboidrati, un terzo di proteine e un terzo di frutta eo verdura, in questo modo noi immettiamo tutti i nostri nutrienti senza innalzare la glicemia. Tra un pasto e l’altro per evitare l’ipoglicemia mangiare frutta eo verdura cruda e non condita.
Per assecondare i livelli ormonali bisogna introdurre le calorie in percentuale differente 40% a colazione, 35% a pranzo e 25% a cena. Vi evito la noia di spiegarvi l’andamento ormonale.
Terza regoletta l’attività fisica: è consigliata , diciamo obbligatoria, una attività aerobica (corsa lenta, camminata veloce, bici, nuoto) perché non solo brucia calorie mentre la facciamo , ma innalza il metabolismo basale, e poi forse è l’unico metodo per liberare il grasso legato nelle cellule adipose.
Un ultimo consiglio, la dieta GIFT, segue tutte queste piccole regole, e vi fa star meglio senza soffrire la fame.

Dr. Giorgio Natali
nataligiorgio@virgilio.it

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

20 + 8 =