Nonostante siamo in autunno inoltrato pare proprio non sia possibile abbassare la guardia. Dopo le fiamme che questa mattina, a Ruffano, hanno distrutto 5mila metri quadri di terreno, gli operatori di Arif nel Salento sono stati impegnati ancora su due fronti nel leccese.

Il rogo più grosso ha letteralmente mandato in cenere venti ettari tra uliveto e macchia alta nei pressi della Cittadella Militare. Per diverse ore, dipendenti Arif, vigili del fuoco e corpo forestale hanno lavorato in una vera e propria lotta contro il tempo e il vento, prima di riuscire ad avere la meglio. E mentre sono ancora impegnati nelle operazioni di bonifica, le squadre Arif sono state  allertate per un altro incendio scoppiato sempre a Lecce, tra il canneto e la palude di zona “Case Simini”, a Torre Chianca. Le operazioni di spegnimento sono ancora in corso e non si esclude di dover richiedere l’intervento di un mezzo aereo.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

8 − 3 =