Il sindaco Paolo Perrone ha deciso di scrivere una lettera ai vertici dell’AQP per ricordare gli impegni assunti al tavolo istituzionale invitando gli stessi a contattare i sindacati degli inquilini e gli amministratori condominiali al fine di definire un quadro economico di rientro graduale delle morosità e per fare chiarezza su quelle relative all’anno 2007 addebitate dall’Acquedotto Pugliese  agli inquilini e da questi contestate.

“Al tavolo istituzionale dello scorso 23 settembre – al quale avevano preso parte anche lo Iacp, i sindacati degli inquilini e degli amministratori di condomini –  l’AQP aveva offerto la propria disponibilità a definire in tempi celeri le posizioni dei singoli contribuenti fornendo i chiarimenti richiesti dagli inquilini e dagli amministratori di condomini rispetto ai consumi e ai costi del periodo aprile-dicembre, debito accumulato nel 2007. L’obiettivo era quello di stabilire con certezza l’importo dovuto dai singoli inquilini per gli effettivi consumi. C’è di più. L’Acquedotto Pugliese si era dichiarato disponibile a negoziare un piano di rateizzazione di sei rate purché venisse pagata, da parte degli inquilini e degli amministratori di condominio, la parte di spesa corrente per saldare il debito maturato dai contribuenti sino ad oggi. Ma gli stessi (sindacati degli inquilini e amministratori di condominio) ricevono in questi giorni richieste di pagamento morosità. Per questo ho deciso di scrivere una lettera all’AQP per chiedere il rispetto degli impegni assunti in sede istituzionale. 
Posso dire fin d’ora che mi opporrò ad un eventuale distacco della fornitura idrica fino a quando non verrà chiarita nei minimi dettagli la situazione con l’AQP”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

cinque × 1 =