Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti: è l’accusa che ha fatto scattare le manette ai polsi di Memmo Gabriele, 30enne leccese. Questi, nel suo appartamento che si trova in Via Paladini a Lecce, nel centro storico, e precisamente in uno sgabuzzino del terrazzo

della “corte” dove risiede, aveva allestito una serra con tanto di lampade al sodio, impianto di ventilazione, materiale vario per il confezionamento delle dosi e tutti gli accorgimenti per far rendere al meglio l’attività domestica. Qui, i carabinieri hanno rinvenuto circa 160 piantine di marijuana, ognuna di circa 30 centimetri che in breve tempo a furia di cure forzate sarebbero state pronte per l’essicazione e la successiva distribuzione. Nel corso della perquisizione sono stati rinvenuti, inoltre, anche 3 gr. di cocaina pronta per essere suddivisa in dosi. L’arrestato dopo le formalità di rito è stato accompagnato alla Casa Circondariale di Lecce.