Si chiude domani (martedì 1 novembre) a Lecce la quarta edizione di “Pane in piazza”. Dopo le prime tre giornate ricche di iniziative dedicate all’alimento principe della tavola italiana, il laboratorio artigianale del pane allestito in piazza Sant’Oronzo propone domani una programmazione no stop

di 13 ore: dalle 9 del mattino fino alle 22, i maestri panificatori impasteranno e sforneranno ininterrottamente pane a lievitazione naturale e svariati prodotti da forno tipici della tradizione salentina.

Numerosi turisti e visitatori giunti in città in occasione del ponte di Ognissanti, si sono fatti “catturare” dal profumo invitante del pane caldo e hanno letteralmente preso d’assalto gli stand di “Pane in piazza”. A testimonianza del grande successo per la manifestazione organizzata da Eventi Marketing & Communication e presentata da Camera di Commercio di Lecce, Multilab – Azienda Speciale Laboratorio Chimico Merceologico della Cciaa di Lecce, Confartigianato Imprese Lecce e A.p.s. – Associazione Panificatori Salentini, in collaborazione con il Consorzio Gusto Salento e il patrocinio di Città di Lecce e Provincia di Lecce.

Ultima occasione, domani, per assistere “in diretta” alla preparazione del pane, carpire i segreti dell’ “arte bianca” salentina e soprattutto gustare i più buoni e genuini prodotti tipici, dalle sfizierie per aperitivi alle focacce, pucce, “pizzi”, alle merende del “panettiere”, fino a brioche, pasticciotti e cornetti caldi notturni.

Diverse le specialità che saranno proposte dai maestri dell’Associazione panificatori salentini di Confartigianato Imprese Lecce. A cominciare dalla focaccia bianca con le olive verdi denocciolate e dalla focaccia alle erbe aromatizzate, preparate dai maestri Carlo Imparato e Giuseppe Verri. Poi, il rustico classico o nella versione “light” (con sfoglia di pane al latte) e le focacce realizzate con la pasta madre.  E ancora, da non perdere, la degustazione di buonissime pizze farcite e mini-panini alla zucca, soffici e delicati, conquisteranno il palato di grandi e piccini. Tutti prodotti genuini, realizzati con ingredienti rigorosamente naturali e senza l’aggiunta di additivi chimici. Quella portata avanti dai Panificatori salentini è infatti una battaglia contro i prodotti surgelati e precotti che, come sottolinea il presidente Claudio Tridici, rappresentano “una vera disgrazia”: “Il nostro – afferma – è pane fresco, preparato con ingredienti naturali tutti i giorni e che per questo deve avere un posto d’onore al centro delle tavole di tutte le famiglie, nell’interesse della salute di tutti i suoi componenti, grandi e piccini”.

Accanto alla produzione classica della panetteria salentina, nello stand “Pane, Amore e fantasia…” si potrà gustare il pane in abbinamento con pomodoro, mozzarella, mortadella o, un classico, con la cioccolata; mentre lo stand “Non solo pane” offrirà una grande varietà di prodotti da forno tipici, tutti preparati “con ingredienti rigorosamente naturali”, come sottolineano gli artigiani dell’Associazione panificatori salentini di Confartigianato Imprese Lecce.

L’evento si rinnova a Lecce per il quarto anno consecutivo, unendo gusto e tradizione alla solidarietà: come nell’edizione scorsa, parte del ricavato sarà devoluto all’associazione Bip Bip Onlus per la prevenzione dei traumi cranici e spinali. All’interno dell’area-laboratorio, si potrà visitare lo stand dell’associazione e sostenere l’attività dei volontari con l’acquisto di magliette e gadget.

Pane in piazza nasce con l’obiettivo di evidenziare e promuovere le proprietà qualitative, naturali e tipiche delle produzioni salentine, esaltando e rafforzando la conoscenza della cultura della “panificazione artigianale” e del mangiar bene e soprattutto “sano”. Il pane è frutto di saperi antichi e di un’alchimia di elementi: terra, acqua, aria, fuoco, mani, pazienza. “Pane in piazza” ne racconta le molteplici manifestazioni, la creatività e le tradizioni, proponendo al contempo una riflessione pratica e concreta su un’alimentazione corretta e consapevole.

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.