”E’ una ipotesi. Io personalmente non la vedrei male”. Cosi’ il ministro per i Rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto, ha risposto a una possibile reintroduzione delle preferenze nella legge elettorale. ”Non ho difficolta’ a dire questo – ha spiegato – nel senso che il tema

delle preferenze e’ un tema anche che enfatizza il raccordo con il territorio”. Fitto ha poi rilevato che ”anche il tema delle preferenze ha qualche controindicazione, non c’e’ dubbio, sulle quali vale la pena riflettere”. ”Cercheremo – ha concluso – di mettere in campo una proposta elettorale che tenga conto anche di questa opzione”.
Le primarie ”penso che siano uno strumento da tenere assolutamente in considerazione” e ”come e’ noto e’ uno dei punti nella riorganizzazione del partito”. Lo ha detto il ministro per i Rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto, partecipando a un incontro di ‘Fareitalia’. ”Laddove esistono diverse situazioni, diversi aspetti e proposte – ha aggiunto – possono essere un metodo per dirimere queste vicende, creando le condizioni perche’ ci sia una partecipazione aperta e quindi anche individuando in questo contesto le soluzioni che possono emergere con il voto dei cittadini”. ”Se si parla di primarie – ha precisato il ministro – si parla di primarie per tutti, non e’ in discussione il livello, puo’ essere per il Comune, la Provincia e la Regione. Puo’ essere per tutti i livelli visto che se ne parla anche per la leadership a livello nazionale nel momento in cui dovessimo avere un problema di leadership che oggi non abbiamo. Quindi non escludo che questo strumento possa, con regole chiare e precise, designare anche un ambito di partecipazione”. ”Cominciamo da subito – ha sottolineato Fitto – abbiamo le elezioni amministrative in primavera e potrebbe essere gia’ questo uno strumento utile da mettere in campo”. ”L’importante – ha concluso – e’ che le primarie di coalizione affermino un principio, che e’ quello di stare nella coalizione. Perche’ se c’e’ questa premessa tutto il resto viene da se’, se manca questa premessa il resto e’ un po’ piu’ complesso”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

tredici + due =