Un operaio di origini leccesi dovrà scontare 3 mesi di reclusione per non aver pagato gli alimenti al coniuge. Per questo motivo sono scattate le manette ai polsi di C. A., 45enne, residente a Tizzano, nel parmense, ma di origini, come si diceva, leccesi. 

L’ ordine di carcerazione è stato emesso dalla Procura della Repubblica presso il tribunale di Lecce, perché dopo la separazione dalla moglie, il 45enne non ha mai pagato alla ex consorte, gli alimenti. L’uomo rintracciato dai carabinieri è stato trasferito nel carcere di Parma

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

nove − sei =