Le associazioni BelTango e Tracce di Tango hanno invitato a Lecce Matìas Tripodi, giovane Ballerino e Maestro di Tango argentino proveniente da Buenos Aires, per l’evento “TANGO NO LIMITS” che si svolgerà nei giorni dal 16 al 24 di ottobre e che ha in programma, tra l’altro, una lezione di tango per non vedenti e ipovedenti

La manifestazione ha il patrocinio di enti importanti come il Comune di Lecce, il Comune di Cavallino, l’Unione Italiana Ciechi e l’ Università del Salento. 
L’idea di partenza è che il Tango rappresenta uno strumento per la libera espressione delle emozioni, la comunicazione interpersonale, il raggiungimento dell’equilibrio psicofisico ma anche per il semplice benessere. 
L’evento si propone di esaltare la funzione sociale del tango anche a Lecce.  
BelTango e Tracce di Tango operano nel territorio salentino per la promozione del Tango argentino, attività che sarebbe riduttivo definire un ballo giacché l’Unesco lo ha dichiarato “Un Bene Culturale Immateriale”, scegliendolo fra molte candidature e facendolo divenire un “Patrimonio dell’Umanità” in quanto rappresentante di un dialogo tra diversità culturali.
Matìas Tripodi, che ha nonni originari di Tropea, è un moderno interprete della capacità di coniugare il nuovo con la tradizione. Si avverte a Buenos Aires, nelle nuove generazioni, di cui Matìas è espressione, un grande interesse e rispetto per la memoria non disgiunta dal desiderio di confrontarsi con le modernità attraverso creatività e curiosità intellettuale.
Matìas da giovanissimo ha studiato il tango con grandi Maestri. A sua volta lo insegna già da quando aveva ventuno anni, in corsi regolari e seminari anche di carattere internazionale. In questo percorso si inserisce il suo impegno nel sociale attraverso l’insegnamento del tango ai non vedenti di un Istituto di Buenos Aires.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

4 × due =