Il sindaco Paolo Perrone ha scritto una lettera assessore alla Solidarietà della Regione Puglia Elena Gentile per chiedere di rivedere l’aumento della retta per gli ospiti dell’azienda di servizi alla persona ISPE di Lecce, deliberato dal Consiglio di Amministrazione.

“Lo scorso 14 gennaio – ricorda il sindaco Perrone nella sua missiva – ho  rappresentato il disagio di diversi miei concittadini, parenti di ospiti dell’Azienda di Servizi alla Persona ISPE di Lecce” per l’aumento della retta dell’Istituto”.
“Questa richiesta di intervento – sottolinea il primo cittadino leccese – non ha avuto riscontro nonostante le positive rassicurazioni verbali fornitemi dall’assessore Gentile. Invece gli ospiti della casa protetta ISPE ricevono in questi giorni decreti ingiuntivi per il pagamento della retta giornaliera determinata in dispregio a quanto stabilito dalle relative disposizioni regionali”.
Per queste ragioni il sindaco Perrone ha scritto nuovamente all’assessore regionale Elena Gentile per chiederle un intervento sul Consiglio di Amministrazione dell’ISPE di Lecce al fine di evitare che vengano disposti i previsti aumenti delle rette agli ospiti della casa protetta.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

uno × 4 =