In attesa di correre il Rally del Barocco, la Casarano Racing si gode l’ottimo risultato conseguito al Rally dei 5 Comuni. In una gara caratterizzata dai ritiri, che alla fine saranno ben 24, sui 51 equipaggi presentatisi al via, la scuderia casaranese ha giocato un ruolo da protagonista.

Ottimo quarto posto assoluto per Silvio Tabacchino, navigato da Giordano Ferilli, che al termine di una gara avvincente riesce, a bordo della Renault Clio fornitagli dalla Sportex racing, a dominare nella classe FA7 e a sfiorare il podio pur disponendo di un’auto che non poteva assolutamente competere con quelle dei primi tre. Quello composto da Tabacchino-Ferilli è l’equipaggio casaranese giunto più in alto nella classifica assoluta. Dopo le ultime due gare, il Rally Città di Casarano ed il Rally del Salento, finite prima del previsto a causa di due incidenti, per il presidente era importante arrivare sino in fondo e, magari, fare risultato. Obiettivi centrati e nuova iniezione di fiducia per Tabacchino. Non meno esaltante il settimo posto assoluto dell’equipaggio composto dai novelli sposi Emiliano Martina e Sara Dimo che, a bordo della loro Renault Clio, primeggiano in classe N3. Ventesima posizione per Rodolfo Toma e Gianni D’Aquino, che, con la loro Peugeot 106, raccolgono un soddisfacente terzo posto in classe FN2. Michele Serafini e Alessandro De Donno, a causa di una brutta foratura nella prima prova e dei problemi incontrati sul trasferimento per la seconda speciale, hanno dovuto accontentarsi della 22esima piazza. Eppure i due, tra l’altro su un’auto mai guidata prima, come l’Opel Astra Gsi, si sono difesi benissimo nelle ultime due speciali, cogliendo la terza piazza in classe A7. Al 23esimo posto giungono, primi in classe FA3, Samuele D’Adamo e Simone Bello su Peugeot 106. A chiudere il gruppo degli equipaggi della Casarano Racing, Andrea Striani e Fabio Loperfido, 24esimi assoluti e terzi di classe FN3 su Renault Clio. Non hanno finito la gara, invece, gli equipaggi composti da Gianpaolo Angelini e Leonardo Natoli, usciti alla seconda prova speciale in seguito ad un brutto incidente, per fortuna senza gravi conseguenze, e Matteo Caputo e Davide Calandretti, ritiratisi alla quarta prova speciale a causa di un problema con il cambio. “Il bilancio complessivo a livello di scuderia – commenta il presidente Tabacchino – è stato più che positivo. Sei degli otto equipaggi in gara sono giunti sino alla fine e con ottimi piazzamenti generali e di classe. Al di là della soddisfazione personale, quindi, debbo fare un plauso a tutti gli equipaggi della scuderia. Ora, però, è già tempo di pensare al Rally del Barocco, in programma per il mese di novembre, al quale la nostra scuderia parteciperà in modo massiccio”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

16 + uno =