Il Consigliere regionale del Pdl, Antonio Barba ha diffuse la seguente dichiarazione:“L’incontro convocato per venerdì 21 ottobre, a Bari, dall’Assessore Fabiano Amati, in merito all’importante vicenda dello sversamento dei reflui in mare sulla costa gallipolina, assume un valore importante dal punto di vista della dinamica delle risposte al territorio salentino.

Siamo lieti del fatto che le nostre sollecitazioni non restino lettera morta sui tavoli assessorili della Regione, come purtroppo accade in tante occasioni in cui si chiede l’intervento operativo della Giunta. Nella fattispecie, da Consigliere regionale di opposizione, non posso non prendere atto del fatto che le proposte che in più di un’occasione abbiamo fatto pervenire all’Assessore ai Lavori Pubblici per risolvere il problema dei reflui che sversano sulla costa gallipolina, stanno avendo risposte concrete che potrebbero portare, da subito, ad aggredire la problematica e, in un ristretto giro di tempo, a risolverla.
Da sempre siamo sostenitori del fatto che la fitodepurazione nella cava di ‘Mater Gratiae’ possa contribuire a trovare una soluzione esaustiva. Ciò che più conta è raccogliere il grido di allarme che in questi anni gli operatori turistici, gli ambientalisti, le associazioni di categoria e i semplici cittadini hanno lanciato per evitare l’offesa e lo sfregio delle acque di questo tratto costiero dello Jonio, da molti considerato autentico patrimonio dell’umanità da difendere e preservare.
Sono certo che tutti i comuni limitrofi che si avvalgono dell’impianto di depurazione consortile appoggeranno la nostra battaglia, dal momento che i benefici che ne avrebbe l’intero territorio non ricadono soltanto sulla ‘Città Bella’, ma sulla totalità dell’hinterland di riferimento”

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

quindici − 14 =