Furto con strappo: è l’accusa che ha fatto scattare le manette ai polsi di due giovani. Si tratta di Roberto Napoletano, venticinquenne pastore di Squnzano, già noto alle forze dell’ordine, e il suo complice Nicolas Giordano, 20enne di Trepuzzi.

È accaduto poco dopo le 20 di ieri, quando una pensionata sessantaduenne di Salice è stata derubata della sua borsa, in pieno centro di Salice Salentino.
La donna stava uscendo dall’abitazione di amici per tornare alla sua abitazione quando un giovane le si è posto davanti, impadronendosi della borsa contenente poco più di 72 € e di effetti personali; poi il delinquente si è allontanato con calma, salendo un furgone parcheggiato poco distante e dileguandosi.
Per la donna, fortunatamente, solo tanto spavento.
I due malviventi, però, non hanno fatto molta strada e sono stati individuati nel giro di un paio d’ore.
Qualcuno aveva, infatti, visto l’accaduto e osservato il furgone (un Fiat “Fiorino” bianco), riferendo alla pattuglia della Stazione di Salice Salentino il contenuto di una parte della targa.
Una rapida serie di accertamenti ed è venuto fuori il nome dell’intestatario del mezzo, appunto il 25enne, personaggio ben noto ai militari di Squinzano.
E proprio loro, allertati dai colleghi di Salice Salentino, hanno intercettato il “Fiorino” mentre si aggirava per le strade di Squinzano, con a bordo i due giovani.
Fermati e controllati, i due sono stati immediatamente ricondotti a Salice, dove anche il mezzo è stato perquisito.
E proprio nell’abitacolo è stato rinvenuto un libretto di lavoro intestato alla vittima dello scippo: davanti  quella scoperta, i due non hanno potuto far altro che confessare, restituendo i 72 € sottratti e indicando il luogo di Squinzano in cui avevano gettato via altri effetti personali, poi recuperati e restituiti.
Per i due sono scattate le manette, arrestati in flagranza di reato per furto con strappo.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

due × 4 =