”Per me con le sentenze della Cassazione su Sabrina e’ cambiato molto. Il problema e’ di vedere come vengono valutate dagli altri. Sembra pero’ che la Cassazione conti poco”. Lo ha detto l’avv. Franco Coppi, difensore di Sabrina Misseri, poco prima di entrare nell’aula

in cui si tiene l’udienza preliminare per il delitto Scazzi. ”La Cassazione – ha sottolineato Coppi – non ha dato per nulla ragione all’accusa. Anzi, la parte finale, a nostro avviso, conforta ulteriormente la tesi secondo la quale non ci sono indizi di colpevolezza a carico di Sabrina Misseri. Non e’ vero che i testimoni siano stati dichiarati attendibili. E’ stato detto che la motivazione del provvedimento su questi testimoni e’ esauriente e soddisfacente, il che non significa peraltro che questi testimoni abbiano un peso decisivo in relazione alle accuse di omicidio e di sequestro di persona, tanto e’ vero che la Cassazione, in relazione a questi reati, ha annullato i provvedimenti emessi dal giudice del merito”. Coppi ha poi riferito di aver appreso solo oggi dai giornalisti, entrando in Tribunale, che ieri la difesa di un altro imputato, Cosimo Cosma, ha chiesto la riesumazione del cadavere di Sarah e un nuovo esame autoptico, senza comunque commentare l’iniziativa.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

due × 2 =