Ancora un arresto per droga, questa volta le manette sono scattate ai polsi di una studentessa leccese diciottenne. L’episodio è iniziato nella serata di ieri a Lecce, quando nei pressi del centro storico del Capoluogo, i finanzieri hanno intimato l’alt ad un autoveicolo

alla cui guida vi era un ragazzo in evidente stato di agitazione.

Il giovane, già noto alle Forze dell’Ordine, è stato trovato in possesso di una dose di eroina.

Le particolari circostanze del fermo ed il perdurante stato di agitazione dell’interessato hanno indotto gli operanti, nell’immediatezza, ad effettuare una perquisizione domiciliare nei suoi confronti anche con l’ausilio delle unità cinofile.

Presso l’abitazione del giovane, infatti, con l’ausilio del cane antidroga “LAGA”, è stata rinvenuta della sostanza stupefacente tipo marijuana, nella disponibilità, però, della giovane sorella.

Quest’ultima, sorpresa dall’arrivo dei Finanzieri, accampando scuse non plausibili, ha provato a distogliere l’attenzione dei militari per disfarsi di un voluminoso involucro contenente 118 grammi di marijuana, gettandolo dalla finestra della propria abitazione, “sorvegliata”, dal piano terra del palazzo, da un altro Finanziere che riusciva a recuperarla.

La sostanza detenuta, sia quella di cui ha provato a disfarsi che altra rinvenuta all’interno della sua borsetta, risultata pari a 124 grammi, è stata sottoposta a sequestro e la studentessa è stata tratta in arresto per produzione e traffico di sostanze stupefacenti.

Al fratello, invece, segnalato al Prefetto di Lecce per “uso personale non terapeutico di sostanza stupefacente”, è stata anche ritirata la patente di guida.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.