Prosegue, ad opera della Guardia di Finanza e dei Carabinieri dei rispettivi Comandi Provinciali, l’azione di contrasto ai giochi illeciti ed all’esercizio abusivo di scommesse.
A conclusione di una prima serie di controlli congiunti che, negli ultimi giorni, hanno interessato più di 20 esercizi della provincia, tra bar, circoli privati

ed internet point, Carabinieri e Fiamme Gialle hanno, infatti, sequestrato 26 computer completi di monitor e relative stampanti, 7 video-poker, quasi 500 euro in contanti, oltreché numerosi tagliandi di convalida delle puntate degli scommettitori, palinsesti di eventi sportivi e locandine pubblicitarie.
Sette persone, prive delle necessarie concessioni, autorizzazioni e/o licenze di p.s. per l’accettazione o la raccolta di scommesse su eventi sportivi, sono state denunciate all’Autorità Giudiziaria per il reato di esercizio abusivo di scommesse; una di essere è stata anche deferita all’Organo Magistratuale per aver reso possibile l’utilizzo in luogo pubblico di congegni adibiti al gioco d’azzardo.
Nel corso dei controlli sono state accertate, inoltre, violazioni amministrative alle norme di settore, segnalate agli Enti preposti per la irrogazione delle relative sanzioni.
La difesa della legalità nel mondo dei giochi e delle scommesse si colloca tra gli obiettivi primari di Carabinieri e Guardia di Finanza; le relative manifestazioni illecite, infatti, sono fenomeni che offendono e ledono gli interessi finanziari dello Stato, poiché producono evasione fiscale e sottraggono al bilancio generale risorse da destinare al benessere della collettività. Generano, inoltre, danni al mercato ed al sistema economico, in quanto chi organizza e promuove giochi illeciti e scommesse abusive danneggia gli operatori autorizzati che rispettano le regole; provocano, infine, nocumento alla sicurezza generale dell’ordinamento, dal momento che le relative offerte non gestite e non garantite dallo Stato ben si prestano agli interessi della criminalità organizzata che, in dette circostanze, trova terreno fertile per riciclare proventi illeciti.

CONDIVIDI