Fabiano Amati Premesso che il lavoro nero e in condizioni fatiscenti è un crimine che non si può giustificare mai (senza se e senza ma), faccio osservare che a Barletta la morte è arrivata a causa di pratiche edilizie incivili che hanno fatto crollare il palazzo.

Lo ribadisco perché vorrei evitare che si perdesse la giusta attenzione (e sdegno) sulla sicurezza degli immobili, permettendo alla moltitudine di int…eressi (e pratiche individuali) di nascondersi, fino al punto di rendere tollerabile l’idea dell’ennesimo condono edilizio, che svetta nelle cronache di questa mattina.
Nel palazzo di Barletta crollato avrebbero potuto trovare la morte anche due amanti: in tal caso avremmo aperto la riflessione principale sulle corna?

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

11 + 8 =