Nichi Vendola e’ stato aggredito in piazza del Popolo, a margine della manifestazione della Fiom, da un uomo che lo ha spintonato e insultato. All’aggressore, un uomo di circa 50 anni, non sono piaciute le parole di Vendola sui ‘black bloc’ che hanno dato vita agli scontri del 15 ottobre.

 

L’uomo ha cominciato a urlare a Vendola che i ”black bloc non sono barbari”; poco dopo lo ha spintonato e insultato, dicendogli ”sei un pezzo di m …”. Ha desistito quando e’ stato bloccato dagli uomini della scorta.

Immediata la solidarietà del sindaco di Roma, Gianni Alemanno, al leader di Sel e presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, aggredito oggi verbalmente da un uomo a margine della manifestazione della Fiom che si è tenuta in piazza del Popolo a Roma. Vendola si era allontanato dal sit-in e si trovava davanti al bar Canova quando è stato affrontato da un uomo che lo ha insultato riferendosi alle dichiarazioni rese dal leader di Sel che aveva condannato i violenti che avevano devastato Roma il 15 ottobre. “Quanto accaduto questa mattina a Nichi Vendola va contro ogni logica democratica – dice Alemanno – L`aggressione subita dal leader di Sel va condannata con fermezza, una condanna che dev`essere ancora più forte per le motivazioni addotte dall`aggressore. Sono certo – conclude Alemanno – che quest`uomo non ha nulla a che fare con la manifestazione della Fiom che si sta svolgendo a piazza del Popolo pacificamente e nel pieno rispetto delle regole”.

Il capogruppo del Pd alla Regione Puglia, Antonio Decaro, “esprime solidarietà al presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, vittima di una spregevole aggressione da parte di chi, evidentemente, ha familiarità con la violenza di quei black bloc le cui vigliaccherie il governatore pugliese ha fatto bene a condannare senza mezzi termini”. “Ci auguriamo – conclude Decaro – che gli autori di simili violenze cambino presto atteggiamento e comprendano che non è picchiando e distruggendo che si costruisce il cambiamento. L’Italia ha bisogno di nuovi talenti e intelligenze, non di certo di teppisti e violenti”.

“Solidarietà al Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola per la vile aggressione subita questa mattina in Piazza del Popolo a Roma” viene espressa in una nota dal capogruppo del Pdl alla Regione, Rocco Palese.
“Va dato atto a Vendola di avere avuto il coraggio di condannare nettamente e pubblicamente gli atti di violenza compiuti sabato scorso dai black bloc – aggiunge Palese – quegli episodi, come del resto quello di stamattina, apparentemente nato proprio da quella condanna, sono frutto di un inaccettabile clima di odio e violenza politica che non è stato certamente il centrodestra ad alimentare né oggi né in passato. Nel ribadire solidarietà al Presidente Vendola, ci auguriamo che questi esecrabili comportamenti vengano finalmente isolati e condannati unanimemente da tutta la politica, senza distinzione alcuna”.

Solidarietà al presidente Vendola, spintonato e insultato a Roma da un dimostrante isolato, viene espressa dal presidente del Consiglio regionale della Puglia Onofrio Introna a nome dell’intera Assemblea e a titolo personale, con “l’invito alle forze politiche e sociali ad abbassare i toni della polemica, perché la violenza sconsiderata non risolve i problemi ma li aggrava”.

<< Quanto avvenuto è assolutamente deprecabile – dichiara il Presidente della provincia, Gabellone – oltre che un attacco diretto alle istituzioni democratiche. Ampia solidarietà al Governatore della Puglia Vendola, a condanna totale e censura di quanto avvenuto oggi a Roma, a margine del corteo della FIOM. Come ho avuto modo di affermare con fermezza anche in questi ultimi giorni, sulla scia di analoghi episodi salentini, è il momento di stare accanto alle istituzioni e agli uomini che le rappresentano: ne è dimostrazione che il contestatore e l’aggressore di Vendola (a quanto ricostruiscono le cronache nazionali) volesse prendere le difese della parte più dura e violenta dei contestatori di Roma dello scorso week-end; è il segno di quanto il nostro Paese rischi nel concreto l’esasperazione di uno scontro sociale e il paradossale rovesciamento di ogni logica, per cui finisce per essere eroe e per aver ragione proprio chi è violento >>

Il Consigliere Regionale e vice-coordinatore provinciale del PDL Saverio Congedo ha diffuso la seguente nota: “Esprimo solidarietà al Presidente Vendola per l’odioso episodio di cui è stato vittima al termine di un pubblico intervento in cui ha condannato le violenze compiute sabato scorso a Roma. Un episodio da censurare senza appello e, comunque, da non sottovalutare perché è l’ennesimo segnale di un clima di odio e di violenza presente in alcuni contesti politici e sociali.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

quattro × tre =