Un gol di Pablo Veron manda il Nardò in paradiso, ovvero in testa alla classifica del girone H della Serie D. Il derby salentino contro il Martina Franca finisce infatti 1-0 per i granata che dopo 5 giornate si ritrovano imbattuti e al comando della graduatoria, grazie anche alla rovinosa sconfitta del Francavilla in Sinni battuto 6-1 sul campo dell’Ischia.

Non male, almeno fino ad ora, per una squadra che ha iniziato la stagione con qualche dubbio societario e che ha come obiettivo la salvezza.
In casa Nardò si predica cautela ma di questo passo quella salvezza si traformerà in una semlice formalità. Anche contro il quadrato Martina Franca di mister Catalano non mancano però le difficoltà per i granata costretti a lottare fino al fischio finale per portarsi a casa i tre punti. L’inizio gara per il Toro è complicato: la squadra di Longo perde De Toma dopo mezz’ora di gioco per una ferita alla testa e pochi minuti dopo incassa il gol di Gambuzza che il guardalinne annulla per posizione irregolare del difensore ospite.
Non c’ è l’ex Irace in campo per il Martina che nella ripresa manda in campo l’ altro ex granata Turitto al posto di Memmola ma le mosse di Catalano non sbloccano il match a favore del Martina. Al 69′ è invece il Nardò a trovare il vantaggio con Pablo Veron, bravo a sfruttare la sponda di Garat e a bucare il portiere Leuci.
Il Nardò deve rintuzzare la reazione del Martina che le prova tutte per riequilibrare la gara ma dopo 7 lunghissimi minuti di ecupero la squadra di Longo può festeggiare i tre punti e il primato solitario in testa alla classifica.

Ottima giornata anche per il Casarano di Caracciolo che va a vincere sul campo della Sarnese con un secco 2-0 lasciandosi alle spalle le scialbe prestazioni offerte nelle ultime domeniche.
I rossoazzurri sfoderano una prova di forza e chiudono la gara in 30 minuti. Il guardalinee evita il peggio al Casarano ad inizio gara annullando un gol a D’Avanzo per fuorigioco, poi la Virtus assume il comando delle operazioni e al 14′ passa con Rosciglione che timbra l’1-0 sugli sviluppi di un calcio di punizione. Passa un quarto d’ora e Aragao raddoppia girando in porta un cross proveniente dalla fascia sinistra. E’ un gol che piega le gambe ai padroni di casa, incapaci fino al termine della gara di costruire seri pericoli per Palazzi. La Virtus gestisce il vantaggio fino al termine e guadagna quei tre punti utili a restare in acque tranquille.

Seconda sconfitta esterna consecutiva per il Brindisi che perde 1-0 a Gaeta per effetto del gol di Russo alla mezz’ora del primo tempo.
In classifica i biancazzurri restano agganciati al treno play-off  composto da 4 squadre a quota 10 punti. Dietro al Nardò si è aperta la bagarre: l’Ischia ha travolto con 6 gol il Francavilla in Sinni raggiungendo proprio la squadra di Lazic e il Campania, regolato in casa per 3-0 dall’Internapoli. Roboante risultato anche per la Casertana che raggiunge quota 10 grazie al clamoroso 7-2 inferto al Grottaglie. E proprio il Grottaglie sarà il prossimo avversario della capolista Nardò.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

diciannove + venti =