Circa seimila piante provenienti dai vivai dell’Agenzia regionale per le risorse irrigue e forestali sono in “vetrina” negli spazi antistanti l’ingresso della diciassettesima edizione della Città del Libro di Campi Salentina. Lecci, querce, pini, corbezzoli, mirto, lavanda, alloro, e numerosissime altre specie arboree tipiche della nostra macchia mediterranea stanno in questi quattro giorni,

con la loro profumazione e il loro naturale fascino, rendendo più “verde” la rassegna culturale più importante del territorio salentino. Ma, per volontà del direttore generale Giuseppe Maria Taurino, quella dell’Agenzia non è soltanto una presenza. Si è voluto infatti collaborare fattivamente con l’organizzazione della rassegna, partendo dallo slogan: “Leggere è più naturale che mai”. All’ingresso del quartiere fieristico, infatti, campeggiano due grandi stands all’interno dei quali dipendenti di Arif sono a disposizione di chiunque voglia informazioni sulle diverse tipologie di piantine e anche su come acquistarle dai vivai di Arif. Migliaia di essenze arboree sono poi destinati a scolaresche e fruitori della rassegna, grazie a due differenti iniziative. Con una spesa base tra gli stands espositive delle diverse case editrici di almeno trenta euro, i visitatori potranno recarsi allo stand di Arif per ricevere in omaggio una piantina a scelta tra quelle in esposizione. La seconda iniziativa sempre in collaborazione con gli organizzatori dell’edizione 2011 della Città del Libro riguarda gli alunni impegnati nei progetti didattici che si stanno presentando in questa quattro giorni all’interno del quartiere fieristico di Campi Salentina: una piantina di mirto sarà regalata ad ogni scolaresca e affidata naturalmente all’insegnante che accompagna i ragazzi delle scuole primarie e secondarie.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

quattordici − 10 =