Lancio di pietre durante il match di pallavolo maschile del campionato nazionale di serie B2 tra la Neofilanto Volley Casarano e la Parsec Squinzano. Una gara intensa e combattuta sul campo da gioco, terminata col punteggio di 3a2 per la squadra di casa, macchiata da alcuni teppisti

che, nelle pause tra un set e l’altro, hanno lanciato pietre contro alcuni giovani all’esterno del palazzetto dello sport, che erano usciti per fumare una sigaretta. Uno dei sassi ha colpito in testa un 30enne di Collepasso, che ha dovuto fare ricorso alle cure del pronto soccorso dell’ospedale di Casarano. Fortunatamente, le ferite riportate dal giovane sono lievi, ma l’episodio lascia l’amaro in bocca per la manifestazione di violenza gratuita.
Ad agire, secondo la ricostruzione dei carabineiri della compagnia locale, una 15ina di giovani, che dopo il primo lancio di pietre, hanno preso di mira anche il pullman della squadra ospite, danneggiato lievemente e poi scortato dai carabinieri lungo la via del ritorno.
Presenti sulle gradinate anche diversi tifosi del Casarano calcio e della squadra di volley dell’Ugento, acerrima rivale della Parsec Squizano, con la quale l’anno scorso ha combattuto per il salto di categoria.
Momenti di tensione anche al termine della gara, quando un atleta dello squinzano è stato raggiunto al volto da alcuni ceffoni, sferrati da alcuni tifosi che poco hanno a che vedere con lo spirito della sana competizione sportiva. I carabinieri sono attivamente sulle tracce dei teppisti, che dopo la sassaiola sono scappati tra le campagne circostanti. I violenti potrebbero essere stati inquadrati dalle telecamere presenti nei pressi del palazzetto dello sport. Al vaglio dei militari, infatti, ci sono i filmati delle telecamere delle attività commerciali e di altri locali nelle vicinanze.

 

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

diciassette − 2 =