{youtube width=”400″ height=”300″}KiljEpyFnu4{/youtube}

Nel corso della scorsa notte, a conclusione di un’operazione delle Fiamme Gialle del Comando Provinciale Lecce, del Gruppo Aeronavale di Taranto e del Reparto Operativo Aeronavale di Bari, sono stati rintracciati, nelle acque antistati la zona di Castro 37 cittadini extracomunitari

di presunta nazionalità Afgana, Curda, Pakistana e Turca .

In particolare, i Finanzieri del Gruppo Aeronavale di Taranto, nello specchio di mare antistante la citata località costiera, hanno intercettato un natante di circa tredici metri,  adibito al traffico di extracomunitari, intento a sbarcare i migranti sulla costa.

I militari, a bordo di un’unità alturiera, unitamente ad un’altra unità navale veloce del Corpo, hanno proceduto all’effettuazione di un controllo a bordo, scoprendo che lo stesso era impiegato per il traffico di esseri umani.

I militari a bordo delle motovedette hanno condotto l’imbarcazione nel porto di Otranto dove hanno proceduto al sequestro dello stesso.

I 37 migranti, tutti uomini di presunta origine afgana, curda, pakistana e turca, dopo i primi soccorsi di rito, sono stati condotti al centro “Don Tonino Bello” di Otranto, dove sono in corso di svolgimento le conseguenti rituali procedure di identificazione.

I due scafisti, di presunta nazionalità Ucraina e Russa, che conducevano l’imbarcazione sono stati tratti in arresto.

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

14 − quattro =