Sono 27 le persone deferite alla procura della repubblica di Lecce in un’indagine della polizia stradale su una serie di falsi incidenti stradali orchestrati per frodare le assicurazioni.

Stando alla ricostruzione degli agenti, le 27 persone nel corso del 2009, in concorso tra loro, hanno falsamente denunciato numerosi incidenti stradali mai avvenuti, intascando,  con la complicita’ di avvocati, periti, carrozzieri e medici compiacenti, ingenti somme di denaro creando un grosso danno economico e di immagine alle varie societa’ assicurative.

Il modus operandi consisteva nel denunciare falsi sinistri con feriti, mai avvenuti, chiedendo  indennizzi alle assicurazioni.

Tuttavia, le indagini hanno dimostrato che in alcuni casi i veicoli presentavano danni incompatibili con la dinamica denunciata, e in altri casi ancora i mezzi erano messi a disposizione da carrozzieri compiacenti, i quali, avendoli gia’ a disposizione per precedenti riparazioni e quindi gia’ sinistrati, ottenevano piu’ indennizzi per lo stesso danno.

Le indagini effettuate dalla polizia stradale di lecce, permettevano quindi di deferire alla procura  della repubblica di Lecce 27 persone, tra carrozzieri e professionisti, per lo piu’ della provincia di brindisi in particolare 16 persone  di San Pietro Vernotico, 5 di Cellino San Marco , 4 di Torchiarolo  e due di Tuturano

Le indagini ora si concentrano su medici, avvocati, periti e carrozzieri.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

diciannove − 17 =