“Finchè non vedremo concretizzarsi quantomeno la speranza di una analisi serena e seria e di una reale inversione di tendenza sulla Formazione Professionale, che risolva problemi vecchi e nuovi avvicinandola alla domanda del sistema lavoro e alle esigenze reali della Puglia, assumeremo

una posizione di critica attesa su singoli provvedimenti come questo che, lungi dall’essere risolutivi, sono adempimenti richiesti dalla Commissione Europea, pena la sospensione del Fondo Sociale Europeo, ai quali la Regione Puglia risponde con estremo ritardo”. Così il capogruppo del Pdl, Rocco Palese, ha motivato in aula l’astensione del Pdl sulla Legge di modifica alla legge regionale n. 15 del 7 agosto 2002 in materia di accreditamento degli organismi formativi.
“Abbiamo discusso quattro mesi – ha aggiunto Palese – per poi bruciare l’ennesima buona occasione per fare un discorso serio sulla Formazione Professionale. Pur apprezzando la disponibilità dell’assessore sulla nostra richiesta di insediare un Tavolo che faccia il punto sulla domanda e sull’offerta della nostra Formazione, questo non basta a fornirci un quadro chiaro, così come non può essere condivisibile l’atteggiamento di chi, avendo dinanzi il pubblico dei formatori che viene per l’ennesima volta strumentalizzato, spaccia questa legge di semplici adempimenti, come una grande novità. Sono affermazioni a cui non crede neanche chi le fa! Serve piuttosto – ha concluso Palese – chiederci quale Formazione stiamo dando e a beneficio di chi. Continuiamo a coltivare la speranza che prima o poi pian piano possa iniziare una reale inversione di tendenza. Solo allora ci saranno la nostra piena disponibilità e il nostro appoggio”.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

8 + 6 =