Dalle rivoluzionarie pillole per dimagrire a base di idrogeli, ai tubi di collagene per l’ingegneria dei tessuti. Dal robot pulitore per spiagge e terreni a cui basta il sole per muoversi, alla formazione a distanza via satellite. Dal monitoraggio marino e dell’inquinamento atmosferico, all’acquacoltura, i beni culturali e le telecomunicazioni.

Dall’editing di beni musicali alle energie alternative. E molto altro ancora, perché sono circa una quarantina le aziende spin off e imprese innovative dell’Università del Salento che faranno bella mostra di sè nell’unica vetrina interamente dedicata all’Innovazione della Terra dei due Mari: la Fiera dell’Innovazione, che si appresta ad aprire i battenti nei padiglioni della Fiera Salento. Ce ne sarà veramente per tutti i gusti, dall’1 al 3 dicembre a Galatina, perché le menti brillanti born in Salento studiano, progettano, realizzano ed imparano a mordere la vita facendo impresa. Sempre dialogando con il territorio, che è il primo ambiente di comunicazione, nel quale la ricerca diventa impresa. Dal mattino fino a sera, una full immersion nell’innovazione: tavole rotonde, seminari, workshop, incontri tecnologici, mostre, area Camera di Commercio Italiana in Svizzera, area Servizi alle Imprese, area Orientamento, area Career Service. E spettacoli live: Improvvisart Jazz Connection con Raffaele Casarano. Perché se innovare è bello, in rete e meglio! Ed è importante che si apra il dibattito sulle strategie da adottare per il sistema produttivo pugliese. “Questa manifestazione è un’importante occasione per far conoscere alle imprese, alle istituzioni ed alla collettività la realtà della ricerca pubblica, quella, per intenderci, che si svolge all’interno dell’Università del Salento e negli Enti di Ricerca del nostro Salento”, spiegano gli organizzatori, che sottolineano: “puntiamo a promuovere, favorire e divulgare la cultura dell’innovazione. Per far questo è necessario oggi più che mai sensibilizzare il mondo dell’impresa sull’importanza del trasferimento tecnologico. Si avverte, infatti, l’esigenza di far conoscere la situazione attuale dello sviluppo tecnologico, per comprendere le tendenze del mercato. Siamo fermamente convinti che per potenziare i processi d’innovazione si debba attivare il confronto fra i diversi soggetti pubblici e privati. Per questo bisogna stimolare oggi più che mai le iniziative mirate a rafforzare e rendere più efficace la rete del trasferimento tecnologico ed anche definire proposte di azioni a sostegno della competitività”. Fare rete per innovare, insomma. E’ questo il tema su cui verterà la terza edizione della Fiera dell’Innovazione dell’Università del Salento, che coinvolgerà giovani talenti ed esperti del settore che dialogheranno insieme. Parteciperanno, tra gli altri, alla Fiera dell’Innovazione il Magnifico Rettore Domenico Laforgia; il Delegato alla Ricerca dell’Università del Salento Lorenzo Vasanelli; la Vice Presidente della Regione Puglia Loredana Capone, la Presidente di InnovaPuglia Sabrina Sansonetti, l’On. Raffaele Fitto.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

18 − sedici =