Sigla del ProtocolloPer l’obiettivo di scoperta, recupero e valorizzazione culturale del turismo religioso inserito nel più ampio progetto di marketing territoriale, è stato siglato un protocollo d’intesa tra la provincia di Lecce e l’Associazione del SS. Crocefisso

 

L’accordo era già stato sottoscritto dalle Regioni Puglia, Basilicata, Campania, Calabria e Sicilia, dalle Province di Bari, Brindisi, Taranto e Potenza, da Coldiretti Puglia e dai Comuni di Arnesano, Brienza, Castelbuono, Forenza, Galatone, Gravina di Puglia, Marcianise, Monreale, Monteiasi,  Monteroni, Palo del Colle, Rutigliano, San Giorgio Ionico, Saracena, Torchiarolo, Trani.

Questa mattina a Palazzo Adorno è stato firmato l’accordo tra la provincia di Lecce e l’Associazione rappresentata dal vicepresidente Michele Martire, assessore del comune di Rutigliano.

L’Associazione “Città del SS. Crocifisso” nasce un anno e mezzo fa per difendere e sviluppare la conoscenza ed il culto del SS. Crocifisso, un simbolo che ha un valore determinante nella storia culturale e nell’identità del Paese, riconosciuto recentemente anche dall’Alta Corte Europea di Giustizia.

Il percorso propositivo dell’Associazione è l’aggregazione e il coinvolgimento di iniziative pubbliche e private volte alla conoscenza e divulgazione di usi e costumi legati al culto religioso e di valorizzazione delle produzioni enogastronomiche tipiche locali. Iniziativa partita dal comune di Torchiarolo nel brindisino, nelle tre edizioni della “Fiera delle Città del Crocifisso” si è in seguito deciso di rendere itinerante la manifestazione. Ultima in ordine di arrivo, la provincia di Lecce che prosegue sulla strada dell’impegno per la promozione del turismo religioso e culturale già messo in campo dall’Assessorato al Turismo e Marketing territoriale, guidato da Francesco Pacella.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

10 + 3 =