Foto Antonio Castelluzzo

Due anziani coniugi di Melendugno, 83 anni lui e 84 anni lei, hanno rischiato la vita per il cattivo funzionamento dell’impianto di riscaldamento, ma sono stati fortunatamente salvati dai carabinieri.

È stata la figlia, che vive a Grosseto, a dare l’allarme, preoccupata da una telefonata in prima mattina in cui l’anziano padre riferiva di sentirsi molto male.
Con non poche difficoltà i militari sono entrati all’interno dell’abitazione, sfondando l’avvolgibile e mandando in frantumi il vetro della porta finestra, trovando i due anziani coniugi privi di sensi nel proprio letto matrimoniale. La coppia, come di consueto si era coricata la sera prima per riposare e, anche a causa del freddo che imperversa in città in questi giorni, avevano azionato l’impianto di riscaldamento. Un guasto, probabilmente al termostato, ha fatto sì che la temperatura salisse ben oltre il livello di guardia divenendo insopportabile, sino a farli svenire nel sonno. Tempestivamente venivano allertati i soccorsi che hanno così hanno evitato una strage. È stato lo stesso medico ad affermare  che sarebbero bastati solo pochi minuti ancora per avere un epilogo differente, fortunatamente evitato grazie alla rapidità dell’intervento. Un militare, ferito alla mano dalle schegge del vetro, è stato medicato ma senza riportare ulteriori conseguenze.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

13 + nove =