L’omicidio di Sarah Scazzi è stato compiuto ”in un arco temporale non superiore ai dieci minuti quando con assoluta certezza Sarah era in compagnia di Cosima e Sabrina”, ed e’ quindi ”chiaro che lo strangolamento di Sarah era opera delle due donne”.

Lo scrivono il procuratore aggiunto di Taranto, Pietro Argentino, e il sostituto procuratore Mariano Buccoliero in una memoria di 71 pagine depositata al Tribunale del Riesame che poco fa ha iniziato la discussione sull’ordinanza di custodia cautelare per omicidio e sequestro di persona emessa nei confronti di Cosima Serrano e della figlia Sabrina Misseri il 26 maggio scorso. L’ordinanza, poi confermata dal Riesame, su ricorso dei legali delle due imputate (ieri sono state rinviate a giudizio proprio con queste accuse), era stata annullata con rinvio dalla Cassazione per una serie di motivi, tra i quali la carenza di gravi indizi di colpevolezza. Sabrina, e’ scritto nella memoria, aveva ”un movente forte (la gelosia per Ivano Russo, ndr) e in tal senso riconosciuto anche dalla Suprema Corte; Cosima, altrettanto, avendo condiviso quel movente di cui era perfettamente al corrente”, come emergerebbe dall’interrogatorio di Cosima del 6 ottobre 2010.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

cinque − cinque =