Il consigliere regionale Donato Pellegrino (Misto-Psi), in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, che si celebra domani, esorta le donne vittime di violenza a chiedere aiuto ed assistenza al numero telefonico 1522 operante su tutto il territorio nazionale.

“Quella del 25 novembre prossimo, è una ricorrenza che non ha una connotazione rituale – commenta Pellegrino – ma deve rappresentare il punto di partenza affinché si riaffermino anche attraverso iniziative legislative ed a tutti i livelli, i diritti e le libertà delle donne”.
“Purtroppo – continua l’esponente del Psi – solo il 4% delle donne denuncia la violenza subita, un dato che resta costante nel tempo a testimonianza che , al di là delle varie pubblicità progresso, le donne violentate, non percepiscono alcun cambiamento reale nella società in cui vivono, unitamente alla convinzione di avere una scarsa possibilità di ottenere giustizia”.
“E’ sotto gli occhi di tutti – dice il consigliere Pellegrino – laripetuta, indecente, ostentata rappresentazione delle donne, come nudo oggetto di scambio sessuale, offerta da giornali, televisioni, pubblicità. Voglio ricordare l’impegno di tante nella vita pubblica e quotidiana. In Italia la maggioranza delle donne lavora fuori o dentro casa, crea ricchezza, cerca un lavoro (e una su due non ci riesce), studia, si sacrifica per affermarsi nella professione , si prende cura delle relazioni affettive e familiari, occupandosi di figli, mariti, genitori e anziani. Tante sono impegnate nella vita pubblica, in tutti i partiti, nei sindacati, nelle imprese, nelle associazioni e nel volontariato allo scopo di rendere più civile, più ricca e accogliente la società in cui vivono”.
“Questa ricca e varia esperienza di vita è cancellata da una delle più diffuse e vergognose violazioni dei diritti umani: la violenza sessuale” – conclude Pellegrino

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

dodici − 4 =