Patata novella sieglinde, Cicoria o Puntarella, Pasticciotto, Mafalda e Africano di Galatina sono questi i primi cinque prodotti del Comune di Galatina a fregiarsi del riconoscimento “De.Co” (Denominazione Comunale); prodotti che saranno presentati mercoledì 9 novembre alle ore 16.00 presso l’azienda agricola Santi Dimitri.

Grande attenzione da parte dell’Amministrazione Comunale di Galatina che ha avviato nei mesi scorsi l’iter di questi 5 prodotti, le cui schede descrittive saranno presto presenti sul portale nazionale delle Denominazioni Comunali, Infodeco. Un percorso consapevole avviato in un’ottica di salvaguardia dell’identità territoriale, della valorizzazione e dello sviluppo del territorio di Galatina, con l’obiettivo di veicolare l’immagine di questi prodotti a livello nazionale e internazionale e al contempo creare maggiori sinergie tra i cittadini, i produttori presenti sul territorio, le organizzazioni del settore e gli enti di promozione nella convinzione che solo se si fa gioco di squadra si possono vincere le grandi sfide del mercato. Attraverso la loro valorizzazione s’inserisce, dunque, un meccanismo di promozione all’esterno non soltanto del prodotti certificati come De.Co., ma dell’intero universo socio-culturale e storico del territorio di Galatina che va assolutamente valorizzato e comunicato fuori dai propri confini territoriali. Le notevoli potenzialità del territorio di Galatina e delle sue eccellenze agroalimentari costituiscono pertanto le premesse della manifestazione enogastronomica itinerante De.Co.gustiamo, organizzata dall’avv. Antonio Spagnolo, che si terrà nella cantina Santi Dimitri di Galatina il prossimo 13 novembre dalle ore 10.00 alle ore 18.00. Il nome De.Co.gustiamo, racchiude già in sé l’anima dell’evento: “gustare”, “amare”, sensazioni vere, umane e naturali che non possono risentire di edulcorazioni. Imparare a conoscere e gustare i prodotti della propria tavola ha come sua conseguenza diretta la “consapevolezza della scelta” di un prodotto, e scegliere un prodotto locale è scegliere di far crescere l’economia locale.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.