Si terrà giovedì 10 novembre alle ore 16.30 nei locali dell’ex Opis in via Miglietta a Lecce il convegno “Protezione e benessere animali in classe” promosso dalle associazioni animaliste coordinate e da anni in rete “ZampaLibera”, “Randage”, “Spes” e “Randagio Amico” grazie al Bando Formazione 2011 del CSV Salento e con il patrocinio della Asl di Lecce.

A relazionare l’insegnante di Graz Charlotte Probst, sostenitrice e leader del progetto che in Austria ha già riscosso un considerevole successo. La Probst, infatti, è convinta che “la protezione degli animali” debba essere insegnata a scuola nel corso di specifiche lezioni. I giovani e specialmente i bambini non ancora contagiati e conquistati dal mondo materialistico, sono ancora capaci di essere oggettivi e di provare solidarietà e, come disse la Montessori, con ogni bambino l’umanità ricomincia a lavorare. Essi sono il futuro. Probst è sicura che se i bambini sono capaci di comprendere il dolore di un animale sofferente, comprenderanno anche quello di una persona sofferente. Quando Charlotte Probst ha cercato di dimostrare ai rappresentanti del Ministero dell’educazione la validità del suo progetto, la sua idea ha goduto del sostegno di note personalità. Dal 1990 ha formato in modo specifico, con seminari annuali, vari insegnanti provenienti non solo dall’Austria ma anche da altri paesi europei. L’obiettivo è quello di far entrare nelle scuole questi insegnanti, per portare conoscenze specifiche e sensibilizzare gli studenti alla sofferenza degli animali. L’idea del convegno nasce in seguito alla partecipazione di Raffaela Vergine, presidente dell’associazione “ZampaLibera”, al seminario internazionale che si è tenuto a Graz in Austria sul tema. In seguito all’incontro tra queste due realtà, Charlotte Probst si è resa disponibile a venire a Lecce per sensibilizzare la politica, e non solo, su questo progetto che in Austria ha avuto molto riscontro. Ogni lezione è infatti suddivisa in tre parti: etica, informazione e la ricerca di soluzioni (“cosa posso fare io?”). Il convegno si colloca come il momento di apertura del corso di formazione “Il volontariato animalista come Promoter della zooantropologia didattica nelle scuole” rivolto a quanti vorranno sposare la causa ed assumersi un impegno di grande contributo civico e civile. Gli obiettivi che si intendono perseguire sono: fornire una formazione didattica secondo i principi della zooantropologia didattica; offrire una formazione di base e gli strumenti per promuovere progetti di zooantropologia didattica nelle scuole in tutte le aree tematiche possibili che riguardano sia la relazione affiliativa e beneficiale, sia il rapporto utilitaristico tra uomo-animale, nonché di sfruttamento dell’animale da parte dell’uomo; sollecitare attenzione e riflessioni sulle spaventose condizioni di vita di tutti gli animali usati e sfruttati dall’uomo, dagli allevamenti intensivi per la commercializzazione delle carni e delle loro pellicce, ai laboratori di vivisezione, sino al business immorale dei canili lager o prigione al maltrattamento degli animali d’affezione e domestici; formare un gruppo che possa poi promuovere una sensibilizzazione, una cultura nella nostra società, circa l’importanza del rapporto uomo animale e pertanto valorizzare il ruolo dell’animale nella formazione complessiva dell’essere umano. Va ricordato che la relazione e il corretto rapporto con gli animali, soprattutto con quelli domestici non è slegato da altri processi culturali che modificano il costume, la proiezione identitaria, lo stile di vita di ognuno di noi. Con la zooantropologia didattica si introducono non solo conoscenze nelle classi per ottenere consapevolezze ma si riconosce anche il valore referenziale ossia di titolarità esemplare, magistrale, educativa, all’eterospecifico, al diverso da me, nella costruzione della nostra stessa dimensione umana.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

16 + 14 =