Il gup del tribunale di Taranto Pompeo Carriere ha rinviato a giudizio nove dei dieci imputati per il delitto di Sarah Scazzi. Tra questi figurano Cosima Serrano e sua figlia Sabrina Misseri, accusate di omicidio volontario, sequestro di persona e soppressione di cadavere; Michele Misseri

che risponderà di concorso in soppressione di cadavere con le due donne, ma anche del furto del telefonino di Sarah e di danneggiamento, seguito da incendio, degli effetti personali di Sarah.Rinviati a giudizio anche Carmine Misseri e Cosimo Cosma, detto Mimino, accusati di concorso in soppressione di cadavere e altri quattro imputati minori.Tra questi si registra il non luogo a procedere nei confronti di Anna Scredo. Prima udienza del processo in Corte d’assise il prossimo 10 gennaio. Il gup Carriere ha invece assolto, perché il fatto non sussiste, i tre avvocati giudicati con rito abbreviato: Emilia Velletri, ex legale di Sabrina Misseri, accusata di concorso in soppressione di atti veri, Gianluca Mongelli, accusato di tentato favoreggiamento personale, e Francesco De Cristofaro, ex difensore di Michele Misseri, che era imputato di infedele patrocinio. L’altro avvocato imputato, Vito Russo, ex legale di Sabrina, giudicato con rito ordinario, è stato prosciolto dall’accusa di tentato favoreggiamento in concorso con Mongelli e di soppressione di atti veri in concorso con Velletri. Andrà a processo per un altro episodio di favoreggiamento personale e per intralcio alla giustizia.

 

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.