La Guardia di Finanza di Lecce, nell’ambito dei controlli sull’emissione di scontrini e ricevute fiscali, dall’inizio dell’anno ad oggi, ha effettuato 9.481 controlli, riscontrando 3.059 esercizi commerciali non in regola con la vigente normativa, circa un terzo del totale.

In particolare, sono state rilevate 285 mancate emissioni di ricevute fiscali e 2.774 mancate emissioni di scontrini fiscali.
La normativa regolante la specifica materia prevede, oltre alla pena pecuniaria, anche la sanzione accessoria della chiusura dell’esercizio commerciale nel caso in cui, il soggetto obbligato non emetta 4 scontrini nel corso di 5 anni consecutivi.
In questo specifico caso, l’Agenzia delle Entrate competente, su proposta della Guardia di Finanza, dispone la chiusura dell’esercizio da un minimo di 3 ad un massimo di 30 giorni.
La Guardia di Finanza di Lecce, al 30 ottobre 2011, ha inoltrato 176 proposte ai competente Uffici Finanziari e ha proceduto all’esecuzione di 74 provvedimenti di chiusura, che hanno riguardato principalmente esercenti l’attività di commercio in forma ambulante (36%), commercio al dettaglio di articoli di abbigliamento (15%), bar e ristoranti (8%) e barbieri e parrucchieri (4%). Il rimanente 37% è equamente suddiviso tra le rimanenti categorie economiche obbligate al rilascio del documento fiscale in parola.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

20 − 9 =