“Non senza rammarico – dice Cosimo Durante – prendiamo atto della rottura istituzionale consumatasi nei giorni scorsi tra la Provincia di Lecce e l’Università del Salento, due tra le più rappresentative istituzioni del territorio.

E non si può tralasciare il fatto che l’Ateneo rappresenti anche la più importante agenzia formativa del Salento. L’atteggiamento dell’amministrazione Gabellone ora più che mai rappresenta un segno tangibile di quello che dall’inizio di questa consiliatura provinciale abbiamo denunciato a più riprese: si tratta di un fallimento politico il cui unico risultato è quello di demolire e cancellare con un colpo di spugna tutti i risultati ottenuti con sacrificio dalle precedenti amministrazioni di centrosinistra. E’ superfluo ricordare gli innumerevoli progetti e le tante iniziative interistituzionali realizzate sia dal governo Ria che dall’amministrazione Pellegrino e che hanno visto come partner privilegiato proprio l’Università del Salento.
Ora invece assistiamo ad una decadenza dei rapporti tra Provincia e Ateneo, avviatasi con altre questioni e completatasi nei giorni scorsi con quello che il chiarissimo rettore La Forgia ha definito uno sgarbo istituzionale da parte dell’amministrazione Gabellone. Ad oggi questo modus operandi del governo di centrodestra non ci lascia immaginare nulla di buono. L’Ateneo ancora una volta si ritrova ad essere danneggiato e ferito dagli atteggiamenti di questa amministrazione.
Il nostro auspicio è che il presidente Gabellone, con coraggio e una giusta dose di umiltà, assuma ogni iniziativa volta a ricucire i rapporti con l’Università. Ci auguriamo, ancora, che la situazione torni al più presto alla normalità nell’interesse delle istituzioni ma soprattutto del Salento tutto”

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

4 × tre =