Venerdì 18 novembre (ore 17.00 – ingresso gratuito) presso l’Open Space Lecce Giovani in Piazza Sant’Oronzo a Lecce prosegue “La musica è lavoro”, un ciclo di seminari che rientra nell’articolato progetto Officine della Musica, organizzato dal Comune di Lecce nell’ambito di Giovani Energie in Comune, promosso dall’Anci – Associazione Nazionale Comuni Italiani e sostenuto dal Ministro della Gioventù.

Nell’ultimo appuntamento si parlerà di “Note sopra il rigo. A che serve un libro che parla di musica?” con lo scrittore Maurizio Blatto, autore de “L’ultimo disco dei Mohicani” (Castelvecchi) e Chiara Veltri, dal 2006 collaboratrice di Arcana come scout ed editor.

Maurizio Blatto è nato a Torino nel 1966. Ha accantonato sul nascere una carriera da avvocato preferendo Backdoor, storico negozio di dischi cittadino. Da dietro il bancone “cura” e alleva plotoni di maniaci musicali. Collabora da anni con la rivista musicale Rumore. È stato editor di Label e ora scrive per Italic. È titolare di un corso di “Storia dei dischi fondamentali” al Circolo dei Lettori di Torino. La sua canzone è How Soon Is Now? degli Smiths. Dovendo scegliere, sceglie vinile. L’ultimo disco dei Mohicani (Castelvecchi) è il suo primo libro.

Chiara Veltri, nata a Cosenza nel 1976, dal 2006 collabora con Arcana come scout ed editor. Traduttrice freelance (Arcana, Stampa Alternativa, Einaudi), dopo la laurea in letteratura inglese alla Sapienza di Roma, ha frequentato il corso biennale di giornalismo musicale presso l’Accademia della critica di Roma e conseguito il Master per redattori editoriali dell’Università di Urbino. È stata caporedattrice del magazine televisivo Millepiani (Cult Network) e redattrice del sito Zoooom.it. Suoi articoli sono apparsi sulle pagine culturali del manifesto e del Quotidiano della Calabria e sul portale Kataweb Musica.

I seminari sono a cura di Giampaolo Chiriacò, ricercatore ed editor, cura la redazione delle collane “Jazz People” e “Rock People” di Stampa Alternativa. Sempre con Stampa Alternativa ha pubblicato “Area. Musica e Rivoluzione”, una biografia analitica della storica band italiana. Come critico musicale, ha scritto per Jazzit e Muz, occupandosi soprattutto di voci e del rapporto fra musiche etniche e suoni contemporanei. Per cinque anni ha tenuto i seminari di guida all’ascolto e i laboratori di Storia e critica del jazz e del rock presso l’Università del Salento, dove ha conseguito il dottorato con una tesi in etnomusicologia storica. » adesso coordinatore delle attività di ricerca del Center for Black Music Research/Europe, sede europea di un centro di ricerca del Columbia College di Chicago, che si occupa di cultura e musica afroamericane.