a partnership di BNL con Telethon è uno dei maggiori progetti di fund raising in Europa: la Banca affianca da 20 anni il Comitato Telethon Fondazione Onlus nella raccolta dei fondi a sostegno della ricerca scientifica sulle malattie genetiche, condividendone valori e missione.

La collaborazione proficua ha permesso di raccogliere complessivamente dal 1992, 211 milioni di euro. Nel 2010 la Banca ha raccolto circa 13 milioni di euro, grazie a 14.200 dipendenti della Banca insieme a 3.400 dipendenti delle altre società del Gruppo BNP Paribas in Italia impegnati volontariamente nell’organizzazione di oltre mille eventi e grazie al contributo di oltre 600.000 donazioni. Cifre che hanno contribuito a far avanzare la ricerca su migliaia di malattie genetiche conosciute, molte delle quali gravi e ancora senza una terapia efficace.

L’impegno, la passione e la ricerca andranno avanti anche nell’anno che sta per venire. Dopo la maratona del 2011, Telethon si prepara per il nuovo anno con progetti e idee sempre nuovo. A partire dalla realizzazione di un calendario che verrà dato in omaggio in cambio di un offerta.

Il progetto prevede l’edizione di un calendario monotematico che quest’anno sarà dedicato alla Piazza Sant’Oronzo. Inoltre proseguiranno gli incontri nelle scuole, le esibizioni, l’organizzazione di eventi. A breve per esempio, il 5 dicembre, si terrà una lezione di genetica a cinquecento detenuti; lezione tenuta dallo scienziato Sergio Carlucci, biologo dell’anno 2006 e direttore del laboratorio genetico del centro analisi Pignatelli.

Insieme al Prof. Carlucci erano presenti ,nella conferenza stampa che si è tenuta ieri pomeriggio all’interno della sede della Banca BNL di Piazza Sant’Oronzo, Dario Marangio portavoce di BNL per Telethon, Massimo Pietroburgo direttore dell’area sub e Diomede Estabile, portatore di malattie genetiche e da dieci anni collaboratore di Telethon.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

8 − 2 =