“Lecce val bene una polemica” per chi, a corto di idee e progetti, pensa di svolgere l’importante incarico di consigliere di opposizione solo e soltanto con la acritica contestazione di tutte le iniziative a cui la nostra Amministrazione dà vita in città.”

Lo dichiara Massimo Alfarano. “Oggi è la volta della fiera dei pupi in Piazza S. Oronzo. Prendiamo atto che qualche esponente del Partito Democratico non avrebbe voluto dare la piazza dei leccesi, la cartolina del centro storico, ai maestri artigiani, preferendo che la famosa manifestazione che attira, ogni anno, cittadini e non, turisti e visitatori provenienti dalla Puglia e da altre regioni, fosse svolta in qualche location di minor prestigio. È la prima volta che sentiamo qualcuno criticare gli sforzi a favore di una iniziativa così tradizionale che rientra, a pieno merito, nel patrimonio culturale del Salento.
L’Amministrazione ha pensato di mettere a disposizione dei pupari la piazza più antica, in cui è stato allestito un confortevole spazio che, siamo certi, attrarrà tutti coloro che vogliono regalarsi un presepe di tradizione. Ci sono famiglie di leccesi e di turisti che ogni anno visitano la fiera per aggiungere qualche personaggio in più al loro presepe. Perché avremmo dovuto scegliere una sede meno attraente e più defilata?
L’ambiente che si viene a creare copre soltanto il basolato lavico dell’ovale, lasciando intatto l’incanto di ciò che fa da cornice. Chiedo alla Consigliera Povero: perché non eleviamo il livello della discussione e ci confrontiamo su eventuali proposte da mettere al centro del dibattito finalizzato alla promozione della città?
La fiera dei pupi sarà un grande evento del fine anno, che chiuderà in bellezza una stagione per certi versi da record e che andrebbe condivisa con tutti piuttosto che criticata, a prescindere, per meri fini elettorali.”

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

venti − 18 =